Come scegliere l’acqua per l’espresso perfetto

 

Quando pensiamo ad un ottimo caffè ci concentriamo sempre ed esclusivamente sulla scelta della giusta miscela di caffè: meglio forte o più morbida? Con che grado di tostatura? Arabica o robusta? Ecc…
Tuttavia in pochi si soffermano a pensare al tipo di acqua da utilizzare, mentre, se consideriamo che circa il 90% della composizione di un caffè è di acqua, non dovremmo mai sottovalutare questo elemento importantissimo per la buona riuscita di un espresso d.o.c..

Partiamo dal presupposto che non esistono regole universali ma molto dipende dal gusto personale e dal tipo di risultato che si vuole ottenere.

La prima domanda che sorge spontanea è: acqua del rubinetto o in bottiglia?

Non ci sono in realtà delle controindicazioni per l’acqua potabile del rubinetto, se si conosce la sua composizione possiamo tranquillamente utilizzarla per il nostro caffè, magari applicando periodicamente un sistema di decalcificazione.
Tuttavia, in base agli standard che devono offrire i comuni, si tratta, nella maggior parte dei casi di acqua inodore, insapore e priva di batteri e questo non aiuta a conferire aromi e gusti particolari al caffè.

La regola generale se ci si vuole avvicinare alla perfezione con il nostro espresso è quella di utilizzare dell’acqua senza cloro e con ph neutro e possibilmente con un giusto equilibrio tra durezza e alcalinità. Inoltre se amate il caffè con una ricca e densa crema, per ottenerla vi consigliamo di adoperare acqua con sali di calcio e magnesio che conferiscono anche delle note molto aromatiche al caffè.

Se comunque scegliamo di utilizzare l’acqua in bottiglia la scelta diventa vastissima: frizzante, effervescente, naturale, gassata, minerale, ecc… e non esiste una tipologia di acqua giusta o sbagliata, tutto dipende dal risultato che vogliamo ottenere e dal nostro personalissimo gusto personale.

Per esempio, le acque ricche di calcio possono fare bene alle ossa e dunque all’osteoporosi, inoltre aiutano a conferire al caffè note e aromi più intensi, ma possono rovinare le macchine per il caffè in quanto si formano delle calcificazioni nelle tubazioni e a lungo andare possono causare la rottura delle macchine del caffè. La soluzione è trattare le macchinette molto di frequente con interventi anti calcare, per salvaguardare il più possibile le nostre macchine.

Quello che possiamo consigliarvi, nella scelta dell’acqua in bottiglia, è di controllare alcuni valori:

  • Residuo fisso;
  • Ph;
  • Calcio;
  • Sodio.

Anche la scelta della giusta acqua per ottenere un ottimo risultato in termini di caffè senza per questo compromettere la macchina del caffè, fa parte di un lungo percorso di consapevolezza e studio sull’importanza di offire sempre più un prodotto di qualità e di spessore partendo non solo dalla miscela di caffè ma anche da tutti gli altri componenti che insieme concorrono per regalarci un espresso unico e gustoso.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

cinque × 5 =